I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie Ulteriori informazioni Ok

Il cibo ai tempi dei millennials

20-04-2017

I nativi digitali al centro di Seeds&Chips, dall'8 all'11 maggio 2017, tra startup innovative e conferenze aperte dagli under 18.


I millennials, i nativi digitali, stanno rivoluzionando il modo in cui si acquista, si ordina, si cucina, si consuma e si condivide il cibo, lanciando nuove tendenze a livello globale. L'affermazione di internet e l'avvento delle nuove tecnologie hanno infatti stravolto le abitudini alimentari dando il via ad una vera food revolution.

Nell'ambito della terza edizione di Seeds&Chips - The global food innovation summit (8-11 maggio 2017 a Fiera Milano Rho), saranno esaminati questi nuovi trend di acquisto e consumo, influenzati dalle abitudini della generazione dei millennials, e si potranno toccare con mano i progetti più interessanti di aziende e startup in questo campo.

"Tra le sfide che l'industria del cibo si trova ad affrontare oggi - commenta Marco Gualtieri, ideatore di Seeds&Chips - c'è quella di dare una risposta concreta alle esigenze di un nuovo pubblico, i millennials. Sono loro, che con nuove abitudini di consumo e di acquisto e, grazie ai potenti mezzi tecnologici a disposizione, stanno dando vita ad una food revolution globale e tutti noi dobbiamo essere consapevoli e pronti al cambiamento"

"How millennials are changing the food industry" è il titolo della conferenza che l'8 maggio aprirà Seeds&Chips e che vedrà la partecipazione di due millennials diventate guru internazionali nel settore foodtech: Danielle Gould, ceo di Food+Tech connect, la più grande community al mondo dedicata a tecnologia alimentare e innovazione e Deepti Sharma Kapur, ceo e fondatrice di FoodtoEat, servizio online che permette di ordinare cibo dai migliori ristoranti locali, food truck, chioschi e ristoratori, nato per avvicinare i piccoli venditori alle potenzialità della tecnologia.

La generazione Y sarà la vera protagonista di Seeds&Chips e per ogni conferenza sarà presente almeno un relatore che abbia meno di trenta anni. Ogni sessione, inoltre, sarà aperta da un "teenovator" under 18 che presenterà la propria visione di innovazione in campo alimentare.
Sempre ai giovani è dedicato lo spazio 'Give me five', che consentirà agli startupper di incontrare un leader per cinque minuti, al quale potranno illustrare le proprie idee e strategie. 

Oggi i millennials rappresentano un pubblico sempre più attento alla qualità, alla salute, alla sostenibilità e alla novità: rispetto alle generazioni precedenti, i nativi digitali spendono di più in cibo (la spesa annua negli Usa è di 1,4 trilioni di dollari) ma sono anche più informati su ciò che mangiano. Una generazione molto esigente e consapevole, che rivolge grande attenzione alla qualità del prodotto e alle proprietà benefiche e nutrizionali degli alimenti, l'80% vuole infatti sapere di più sulla provenienza e la tracciabilità del cibo che consuma.
Tra i food trend: l'alto gradimento di alimenti organici, biologici e a Km zero, l'attenzione per la sostenibilità ma anche la richiesta di un'offerta più ampia di prodotti.


Fonte: Agronotizie